Home

Home

Arredare casa in stile vintage: spunti e idee per l’arredo

- Categoria: Arredo

Arredare casa in stile vintage non è operazione difficile. Tuttavia, richiede cura del dettaglio e buon gusto nel saper giocare con passato e presente, senza mai esagerare. Innanzitutto, quando si parla di mobili e complementi d’arredo vintage s’intendono quelli che appartengono al secolo scorso, dagli anni ’20 fino agli anni ’80. Tutti i mobili che risalgono al periodo antecedente confluiscono nella categoria dei mobili d’antiquariato. Questa prima distinzione è fondamentale per comprendere a pieno cosa s’intende con stile vintage.

L’arredamento vintage di fatto consiste nel saper valorizzare l’ambiente domestico, inserendo degli elementi del passato e combinandoli con lo stile attualmente in voga. Ad oggi, lo stile che va per la maggiore è quello moderno, orientato verso forme lineari e geometriche, colori neutri e arredamento ridotto al minimo. Uno stile che premia la funzionalità e la vivibilità degli spazi, ma che da un lato, soprattutto nella versione minimalista, può apparire sterile e senz’anima.

Lo stile vintage, invece, attribuisce carattere all’ambiente, donandogli un tocco di personalità e creatività. È uno stile iconico, inconfondibile, destinato a rimane impresso nella memoria di chi visita la tua abitazione per la prima volta.

Per ottenere questo effetto è sufficiente inserire all’interno della propria casa degli elementi che richiamino gli anni e le mode del passato. Non per forza devono essere mobili di grandi dimensioni. Talvolta sono sufficienti anche piccoli componenti d’arredo, come ad esempio una lampada o uno specchio. Alcuni esempi?

Un frigorifero Smeg anni ‘50 da mettere in cucina, magari accompagnato da altri elementi che richiamino quell’epoca, o una credenza in stile shabby, di color azzurro pastello.

O ancora, un divano in pelle dal design originale, che riprende le fattezze di un’automobile e sopra una cassettiera una vecchia radio o un giradischi.

In bagno, potresti accostare ai sanitari uno specchio laccato e intarsiato, magari con la cornice un po’ rovinata.

Nella tua camera da letto, invece, potresti aggiungere una cassapanca, sul modello dei bauli in legno di una volta.

Saper giocare con i contrasti, senza tuttavia eccedere, è la chiave per arredare una casa in stile vintage. Infine, un altro aspetto molto importante riguarda l’uso dei colori. Le pareti degli ambienti moderni sono solitamente dipinte di bianco, o comunque con tinte neutre. Per rompere con la monotonia si possono utilizzare elementi d’arredo o suppellettili dai colori accesi. Un banale esempio è costituito da delle sedie colorate accostate a un tavolo di legno, altro materiale molto apprezzato da questo stile, poiché richiama il passato. Oppure un divano in pelle rosso o blu elettrico da mettere in soggiorno.

Lo stile vintage nasce per rompere gli schemi. Ma il risultato è una casa arredata in modo unico ed originale che tutti ti invidieranno!

Condividi